2005-09-27

LUIGI DE GIOVANNI



Luigi De Giovanni a Firenze
Genesi del colore
L’Associazione Culturale Sardi in Toscana, Piazza Santa Croce, 19, in collaborazione con la galleria d’arte Mentana, piazza Mentana, 2/3r, Firenze presentano la personale di Luigi De Giovanni.
La mostra sarà inaugurata l’8 ottobre 2005 alle ore18 dal presidente dell’Associazione Erminio Zara.
Dall’8 al 30 ottobre
La sede sarà aperta alle ore 10.00-12.30 – 17-19.30 escluso la domenica e il lunedì.
Tel. 055240549 fax 05524006 E-mail: acsitfirenze@tiscalinet.it
Tel. 055211985 fax 0552679221 E-mail: galleriamentana@galleriamentana.org
Bruschi passaggi di colore segnano l’aspro paesaggio Sardo e De Giovanni lo interpreta calandosi, con tavolozza e pennelli, nel pathos suggerito dall’ambiente. Sardegna terra del mito, forse Atlantide, ispira poesie segrete cantate da miriadi di colori, colti, con maestria e riportati sulle tele, dall’artista che insegue la luce.
La mostra di De Giovanni, all’Associazione Culturale Sardi in Toscana a Firenze, è quindi un’occasione d’incontro con l’interpretazione che l’artista da dei colori e dei climi dell’isola. Sembra di avvertire i profumi, sia della vegetazione che dei fiori, davanti ai quadri di paesaggi marini, di montagna o delle composizioni di fiori riuniti in mazzi dall’aspetto selvaggio come selvaggia è la terra Sarda.
Si tratti paesaggi, di scorci delle campagne di Seulo o di composizioni floreali la realizzazione è in plein air. I fiori, spesso campestri, o coltivati nel paese barbaricino variano seguendo le stagioni, infatti, in questa mostra ci sono le suggestioni malinconiche dell’autunno, chiassose e vivaci della primavera, calde dell’estate ma anche i colori, non certo freddi dell’inverno.
Brughiere selvagge, grovigli di arbusti, cespugli variegati dove i bruschi contrasti di colore si fanno più evidenti in armonie e dissonanze tipiche della terra.
Le linee d’orizzonte interrotte bruscamente da rocce che si ergono a picco su radure o tacchi, lo skyline irregolare dei tagli netti suggerisce paesaggi, città immaginarie storie di janas e di un popolo antico e fiero.
Osservando le opere si nota che la tavolozza dell’artista è espressa a pieno, luci, ombre, ma anche saputi spazi lasciati bianchi parlano del modo d’intendere la pittura dell’artista. La pittura è istintiva, davanti alle sue opere si scopre un mondo in continuo movimento.
Il pennello, grondante di colore, ha inseguito, lasciandone traccia, il pensiero dell’artista.
Le pennellate, rapide, scrivono note di canzoni, colgono i rumori del bosco e di una musica primordiale che solo la natura incontaminata sa ancora donare.
De Giovanni, è pugliese di Specchia in provincia di Lecce, ama la Sardegna dove ha saputo ritrovare tracce che richiamano alla mente la sua terra.
In questa mostra presenta l’artista opere recenti.
Cagliari 26 settembre 05 Federica Murgia
Biografia

Luigi De Giovanni nasce il 12 Febbraio del 1950 a Specchia (Lecce).
Sin dalla più tenera età esegue disegni ed acquerelli seguito dalla madre.
- 1967 dipinge assiduamente e fa la sua prima mostra collettiva.
- 1969 si diploma all’Istituto d’Arte di Poggiardo.
- 1970 comincia a dipingere in maniera informale usando tecniche
miste e collage.

- 1974 si diploma all’Accademia delle Belle Arti di Roma.
- 1970 / 1978 segue il Corso Libero del Nudo.
- 1973 con il maestro Avanessian inizia lo studio dell’imprimitura delle
tele e delle terre.

- 1974 si perfeziona nella tecnica ad olio.
- 1980 sperimenta la tempera all’uovo; realizza alcune opere con un
unico filo conduttore “ le scalate sociali”.
- 1988 sperimenta tecniche miste con l’uso di materiali di scarto
simbolo di “rifiuto” quale: segatura, trucioli metallici, pezzi di

gomma inservibili, carta e tessuti.

- 1988 inizia il rapporto con la Galleria “Mentana” di Firenze che lo
presenta alla Fiera Arco di Madrid.

- 1990 comincia a realizzare e ad esporre opere che hanno come filo
conduttore “l’angoscia nella società attuale” e comincia ad
usare i vecchi jeans come tele per le sue opere a carattere
sociale.
Ultime mostre personali
2002 - “Castello Carlo v ” Lecce “ L’uomo soffiò e........”
dal 09 al 18/02 presentato dalla galleria
“ Il Raggio Verde” Lecce
2002 - “ Castello Risolo di Specchia” dal 04 al 24 agosto
presentato dal Comune e dalla Pro Loco di Specchia
2002 - “Piccola Galleria” Specchia “Le vibrazioni del colore
nella luce”
2003 - Galleria “La Bacheca “ Cagliari “ La Danza del Colore”
2003 - Galleria “III Millennio” Venezia
2003 - Sutta le Capanne du Ripa Specchia Lecce
2004 - “SUBLIMATIONS - landscape of the soul” 5/16 luglio
Espace Couloir r.d.c. ASP - PARLAMENTO EUROPEO
Bruxelles
2004 - “Urlo Nel Buio” Sutta Le Capanne Du Ripa Specchia Lecce
2004 - Galleria “ Della Tartaruga” 25 settembre 5 ottobre Roma
2004 - “Urlo Nel Buio” Galleria “La Bacheca” 9/20 ottobre Cagliari
2004-05 - “Urlo Nel Buio” Galleria Raggio Verde 4 dic. 4 gen. Lecce
2005 Agosto - “Sutta le Capanne du Ripa” Specchia
Settembre - ”Galleria Comunale d’arte Moderna e Contemporanea” Piombino
Ottobre - Galleria “Mentana” + “Associazione Culturale Sardi In
Toscana” Firenze
Novembre - Galleria “III Millennio” Venezia
.
http://www.degiovanniluigi.com
http://www.murmurofart.com
E.mail: lmfedeg@libero.it cell. 3283516620
Posta un commento