2009-12-12

luigi de giovanni a firenze



GALLERIA D’ARTE MENTANA
FIRENZE
Piazza Mentana, 2/3r
Telefono e Fax 055.211985
cell. +39 335.1207156
www.galleriamentana.it
galleriamentana@galleriamentana.it
 
VALORI DI CONTINUITÀ  2009-2010
Inaugurazione: sabato 12 dicembre 2009  -  dalle ore 18.00
La mostra terminerà  il 10 Gennaio 2010
Come di consuetudine anche quest’anno, in occasione del  Natale, la Galleria Mentana presenta una selezione di opere di artisti accuratamente selezionati negli anni.
A dare maggiore rilievo all’evento ci sarà la TV Toscana ed il  Professor Pier Francesco Listri che ne illustrerà i contenuti.
L’attività della galleria d’arte Mentana di Firenze, diretta da Giovanna Laura Adreani, è nota ed apprezzata. Da oltre 35 anni promuove artisti che con il tempo si sono affermati, nel panorama non solo italiano.
La mostra “Valori di continuità” è il discorso fra galleria, città di Firenze e gli artisti:
Francesca Coli,  Marialuisa Sabato,  Rosario Bellante,  Clara Polvani,  Anna Luisa Roma, Bianca Vivarelli,  Angelè Audibert – Beltramo,  Marco Garofalo,  Luigi De Giovanni, Vittoria Marziari,  Susan Kerr,  Patrizia Voltolini, Johanna Oras, Walter Buscarini, Sergio Benvenuti, Vittorio Tessaro, Annie Gheri.
Questi nell’evento ritrovano, idealmente, le ragioni delle  loro ricerche.
Valori di continuità è una mostra che annuncia già nel titolo il significato.  Coinvolge artisti che, pur nella diversità stilistica e concettuale, perseguono la stessa finalità sotto il profilo dell’arte e che, benché facciano delle ricerche personali, si ritrovano nella tradizione dell’uso delle tecniche e degli strumenti specifici della pittura, della scultura e della fotografia. Nelle loro opere c’è la significazione del loro pensiero e del loro animo. C’è ricerca dell’attimo, del vero o del verosimigliante; c’è il sentimento che si palesa mettendo a nudo l’IO. 
Dipinti, sculture e fotografie danno un messaggio immediato che si  lascia leggere senza bisogno di un mediatore. In loro parlano la simbologia dei colori, le luci del tempo, i segni  che svelano la dolcezza o la ruvidezza dell’animo, i soggetti diventati pretesti per significare la spiritualità del percepire.
Per queste opere non c’è bisogno  d’intellettualismi che le giustifichino perché, come nelle trame di un libro le parole raccontano, qui  le pennellate,  i colpi di scalpello, gli scatti fotografici sono frammenti di narrazione d’arte visiva: racconti intimi.
La mostra  “VALORI DI CONTINUITÀ 2009-2010”  è il riconoscimento al valore del fare la ricerca  artistica ricordando  la tradizione, del ritrovarsi  in una galleria, per confrontarsi e crescere. E’ il riconoscere l’importanza dell’Artista che opera in prima persona: un ritorno ai valori di civiltà che rischiano d’essere persi nella spersonalizzazione del virtuale.
L’evento avrà un prosieguo con alcune opere, degli artisti  presenti in questa mostra,  che verranno presentate al Palagio di Parte Guelfa dal 23 dicembre 2009.
 
Federica Murgia
 

2009-10-18

CONTEMPOR-ART


GALLERIA D’ARTE MENTANA
FIRENZE
Piazza Mentana, 2/3r
Telefono e Fax 055.211985
cell. +39 335.1207156
www.galleriamentana.it
galleriamentana@galleriamentana.it


CONTEMPOR-ART 2009
Rassegna d’arte contemporanea di pittura, scultura, fotografia, video-installazione e performance.
Inaugurazione: Sabato 31 ottobre ore18.00
Dal 31 Ottobre al 18 Novembre 2009
La galleria Mentana si apre agli ultimi fermenti dell’arte con una mostra che cerca di captarli. E’ un primo appuntamento che la Direttrice artistica della galleria, Giovanna Laura Adreani, rivolge al pubblico: abituato a mostre, in qualche modo, legate alla tradizione.
E’ arte fatta, per lo più, senza i classici strumenti per la pittura e la scultura, ma che ricerca una partecipazione profonda dei fruitori.
Scatti fotografici, video, tecniche miste, assemblaggi di materiali di scarto o rifiuto, installazioni e performance, sono attori di questo evento in un dialogo e una frammistione fra arti visive, scrittura, poesia e musica: uno squarcio d’avanguardia dei nostri tempi.
I protagonisti di questa rassegna sono:
LUIGI DE GIOVANNI, JANAX, TAUROS, CATERINA PERRONE , GABRIELA NATERA, LUCA DI FEDE, PAOLA VAN DER HULST, PAULINA SLEBODZINSKA,MARCO GAROFALO. 
Artisti che fanno un percorso che avrà una prosecuzione, con proposte di contemporaneo nel futuro della galleria. Saranno appuntamenti biennali, che presentando la ricerca nell’arte, porteranno ad un approccio alle nuove tecniche e alle nuove espressioni. Saranno eventi mirati alla scoperta di talenti che operano nel contemporaneo con nuove idee e nuovi discorsi.
Questa mostra è una scossa sia sotto il profilo formale, per l’uso dei materiali e degli strumenti, che per la poetica dei sentimenti che hanno originato le opere. Le motivazioni e i contenuti di queste sono una riflessione sulla contemporaneità e le tendenze del pensiero artistico d’oggi: arte che prende spunto, anche, dall’effimero, spesso, diventando, essa stessa, effimero.
In questo evento ritroviamo opere, generate da un progetto e immediatamente consumate, anche rifacendole diventerebbero diverse. Di esse rimane traccia nei documenti filmici o fotografici a testimonianza di qualcosa che è finito e non più esistente.
Alcune opere descrivono conflitti sociali che sono ben collocabili nel tempo e nello spazio che le ha ispirate, altre hanno una carica molto simbolica. Possiamo distinguere i tortuosi labirinti dell’animo in opere che denunciano il disagio del vivere, i tormenti dell’incomunicabilità, in una società che va troppo di fretta.
Scudisciate di luce, colori aggressivi e foto che scandagliano la profondità degli animi e delle cose, parlano dell’uomo che troppo preso dal suo Io dimentica gli altri e la natura.
“CONTEMPOR-ART“ è uno specchio della società che rincorre il tempo e consuma non solo le cose ma anche le idee. Federica Murgia

2009-09-14

mostra di luigi de giovanni a bologna e lecce



STUDIO LEGALE IURA
Via Rodolfo Audinot, 31
40134 Bologna
Tel. 051.58.77.035 (4 linee r..a.)
Fax 051.58.77.038
E-mail: info@studioiura.it
Inaugurazione: 18 settembre alle ore 17,00
Ingresso solo con invito
Dal 18 settembre al 2 ottobre 2009

IL RAGGIO VERDE - EDITORIA E COMUNCAZIONE
Via Veneto, 13 –
73100 Lecce Tel. 0832/347892
mail: info@ilraggioverdesrl.it
Inaugurazione: 18 settembre alle ore 18,30
Ingresso solo con invito
Dal 18 settembre al 2 ottobre 2009

Luigi De Giovanni in contemporanea, con mostre personali in uno studio legale ed in una casa editrice: due spazi non deputati all’arte, che si aprono ad essa. Esperienze in luoghi di questo tipo non sono nuove. Da tempo si fanno mostre in alberghi, negozi, studi d’architettura, circoli, chiostri, antichi palazzi, nonché cave per esporre scultura, edifici minerari eccetera: forse meno formali ma egualmente intriganti, efficaci e funzionali alla conoscenza e alla diffusione dell’arte. E’ come che si volesse dare all’arte una veste di quotidianità, di qualcosa che vive con l’uomo e in tutti i luoghi dell’uomo: tracce di sentimenti.
A Bologna è lo studio legale internazionale “IURA”, non nuovo a queste iniziative, che diventa galleria; a Lecce “IL RAGGIO VERDE - EDITORIA E COMUNICAZIONE”, casa editrice che, d’arte si occupa editando libri e cataloghi, che ne assume le vesti.
L’estro di De Giovanni è nelle cose della natura, è nelle angosce che attanagliano l’animo umano. Le opere dell’artista sono d’ispirazione impressionista, dal tratto fortemente espressionista, per giungere all’informale, nelle tecniche miste e nei jeans. Il suo è il mondo della luce che vibra nel colore che da forma. E’ la spiritualità, è il pathos che si palesa nelle opere: suggestioni ed emozioni d’attimi che vengono fermate nel dipinto. E’ come se avvertisse il genius loci e con esso interloquisse comunicandolo nell’espressività delle pennellate e del colore.
L’artista, preso dalla furia creativa, con i colori e i pennelli, aggredisce la tela bianca ricercando una pacificazione che non trova. La sua è una catarsi gestuale e intellettiva che dura il tempo della creazione dell’opera: un’esigenza interiore di ricerca continua.
Il suo spirito inquieto trova significato nella pittura e con la pittura.
Allo studio Iura presenta opere che hanno come soggetti fiori, paesaggi del Salento e un jeans: una panoramica del suo mondo creativo.
I fiori non sono soggetti banali e vengono dipinti dall’artista in tutti i loro stadi. Essi sono la vita interpretata nei suoi tempi e nelle sue funzioni: sono boccioli dell’infanzia, sono la gioia delle promesse della giovinezza, sono la mestizia dell’età adulta, sono il freddo inverno della vecchiezza.
Le sue opere parlano di fiori di campo che mostrano tutta la loro spontaneità e libertà del vivere: l’artista non ama gli artificiosi, perfetti fiori in raffinate composizioni da fioraio. L’artista, nei soggetti che lo ispirano, ricerca il suo animo. Nella casa Editrice il Il Raggio Verde è in scena il salento. Dipingere il paesaggio è per l’artista calarsi nell’intimo del luogo, viverne la spiritualità.
Nelle sue opere si avverte la religiosità e la malinconia per un esistere breve: un soffio sottile, che è nel suo rapporto con la natura, ammanta i colori investiti dalla malinconia del suo animo.
Il salento da una scossa al suo spirito e le linee crude del paesaggio, gli attorcigliamenti degli antichi ulivi, i rossi della terra, si palesano in una drammaticità dolorosa che prelude all’urlo dei jeans. Jeans lavoro, jeans protesta: ribellione passionale contro le ingiustizie, di un ex sessantottino che continua a soffrire e a denunciare con pennellate taglienti e colori urlanti.
Federica Murgia.

Studio Legale IURA
Via Rodolfo Audinot, 31
40134 Bologna
Il raggio Verde - Editoria e Comuncazione - Via Veneto, 13 –
73100 Lecce Tel. 0832/347892
mail: info@ilraggioverdesrl.it

Luigi De Giovanni
http://www.degiovanniluigi.com/

via Piccioni n° 21 Cagliari
via Garibaldi n° 1 Specchia (Le)

Telefono / fax: .
070.664489

arts@degiovanniluigi.com

2009-03-01

fiori






GALLERIA D’ARTE MENTANA

FIRENZE
Piazza Mentana, 2/3r
Telefono e Fax 055.211985
HYPERLINK "http://www.galleriamentana.it" www.galleriamentana.it
HYPERLINK "mailto:galleriamentana@galleriamentana.it" galleriamentana@galleriamentana.it
Titolo dell’evento: FIORE
Vernissage: 8 marzo 2009 ore 18.30 
La mostra si protrarrà fino al 28 marzo 2009
Abstract
Attraverso il fiore, preso come simbolo, un percorso di riflessione sulla condizione della donna e un elogio  alla sua creatività: pittura, scultura, fotografia, poesia e prosa, performance teatrali e musicali.
Ingresso: libero
Catalogo in galleria
ARTISTE:
FAIKA AL HASAN, SUSY BELLAMI, BERNAKI, LUCIANA BIAGINI DEL BIANCO, FRANCESCA COLI, MIRIAM DE BERARDIS; SUSANNA DEIANA, MARIA ROSARIA GARBATO, ANNIE' GHERI, MARGARET KARAPETIAN, VITTORIA MARZIARI, MARIA MICOZZI, CRISTINA MISITI, ADRIANA MUSCETRA, EMANUELA PABA, AGNESE PICCI, CLARA POLVANI, ANGELA MARIA SANNA, GIANNA STOMEO, BIANCA VIVARELLI, PATRIZIA VOLTOLINI.
PROGRAMMA:
Inaugurazione:  8 marzo 2009, ore 18,30 
Presentazione mostra  a cura del prof. Pierfrancesco Listri.
Seguiranno: 
Lettura di Maria Cencetti sul tema 8 Marzo.
Spettacolo teatrale condotto dall'Artista Bianca Vivarelli e dalla sua compagnia.
Omaggio, alle donne presenti, di prodotti del Centro Bellezza Benessere New Estetica.
Ore 20,30 cena con buffet , spumante musica e dolci.
FIORE
Il fiore, raccontato nelle sfumature dei suoi significati, diventa la linea guida di quest’evento artistico.
Sono le donne che parlano servendosi della pittura, della scultura, della grafica, della fotografia, della poesia e della prosa, e di performance teatrali e musicali. Un concento, d’espressioni artistiche, che vuole mettere in mostra il talento e l’animo del gentil sesso.
Non più in piazza a protestare, con gonne a fiori e zoccoli di legno, per ottenere ed affermare i propri diritti, le donne artiste, questa volta, per esprimere il loro pensiero, hanno preso pennelli, colori e gli strumenti dell’arte. Con loro hanno scritto l’amore, la rabbia, la pazienza, la gioia di vivere e di contare.
Il fiore, titolo della mostra, è diventato fiore di vita, fiore d’allegria, fiore d’amore, fiore di rabbia, fiore di pace e di guerra.
Le artiste invitate hanno prodotto delle opere che potessero dare una chiara idea della loro concezione dell’essere donna e, anche, di festa della donna.
Le loro creazioni non sono vessilli di passate lotte femministe ma narrazione di sentimenti del vivere. Rassicurano dicendo di non tremare perché non sono tornate le streghe ma ci sono le donne più consapevoli e più giuste con loro stesse.

Ciascuna ha interpretato il tema con la propria specificità stilistica, infatti, non ci sono state delle rigide consegne. Hanno descritto il mondo al femminile e i ricordi atavici della sofferenza e della sopportazione: poesia e dramma del raccontare la vita.
Il tema assegnato le ha stimolate, per questo sono stati presi in considerazione detti e aforismi. Si dice che le donne non si toccano neanche con un fiore…. “Fiore”…?
Quante volte le donne si sono viste regalare un fiore che aveva ancora profumo di bruciante frusta!
E’ stata considerata la ragazza, fiore di sogni, anche se, spesso, per lei la fioritura dura un breve periodo: troppo presto arriva il dovere che la rinchiude in una routine.
Il Tim della galleria Mentana ha voluto proporre una storia, a molte voci, che contemplasse le sfumature del mondo della maggior parte dell’umanità che solo apparentemente è debole.
Le artiste non si sono risparmiate nelle idee e nei racconti.
C’è l’evento, meraviglioso, del parto e l’urlo atroce di dolore della puerpera, gli amori, la pazienza, la dolcezza, la violenza e la follia, spesso unico rifugio dalle angherie. Questi sentimenti sono diventati “momento creativo” d’impareggiabile espressività ed efficacia.
L’analisi, anche indiretta, non ha tralasciato la letteratura riguardante le donne e così che c’imbattiamo in “madonne” come Laura e Beatrice, in amanti vere o presunte, Giulietta e Francesca, Ginevra e Desdemona che di fiore avevano solo il fatto che si potevano guardare per essere, poi, trapiantate in altre case e recise. Donne, spesso, fiori che si avviano alla morte: piegate, violentate e private dei loro sogni dei loro sentimenti, della loro volontà e dignità. Le artiste hanno pensato alla Donna, quale Giovanna d’Arco, imprigionata in convenzioni, purtroppo, convenienti solo per i maschi.
Riflettendo ci rendiamo conto che, come dalla notte dei tempi, dietro un bellissimo poema c’è spesso una tempesta, se non una mortale trappola. L’imbroglio, riferito alla donna, si avverte subito nei modi di dire, angelo del focolare, madre esemplare dedita alla famiglia: quanti altri detti o aforismi, che la donna potrebbe non condividere, la citano!
In una sorta di rivalsa, il titolo della manifestazione artistica, ci riporta agli insetti impollinatori, che, attratti dai colori vivaci, si affannano intorno ai fiori più appariscenti. Sono usati per la conservazione della vita floreale ma riportano al mondo dei maschi, sempre alla ricerca dei “fiori” più belli da sciupare in un attimo.
Ecco la donna mamma che in un baleno tramuta il dolore e le fatiche del parto in infinito ed incondizionato amore per l’indifeso neonato, suo figlio, ancora intriso del liquido che l’ha tenuto in vita per nove mesi.
Nella galleria si percepiscono i lamenti delle donne che vivono la tristezza dello sfruttamento, degli abusi, della loro mancanza di diritti: oggetti resi inanimati e privati del pensiero da prepotenze ataviche e senza via di scampo.
Più doloroso è saper di donne che, romantiche e senza malizia, sono finite, ancora adolescenti, vendute per le strade da carcerieri, carnefici asserviti al dio denaro e alla violenza. Non sono bastate le battaglie femministe per affrancarle dal loro dolore, spesso, non visto e subito con rassegnazione.
Le urla di madri, figlie, sorelle che sopportano le angherie di famiglie ingiuste e senza affetto non scuotono i maschi che, tronfi della loro mascolinità, usano la donna come una vecchia ciabatta.
E’ tragico pensare che rispettose figlie, si facciano vendere e comprare per tre cammelli, una capra, un somaro e qualche altro bene mobile o immobile. Convenzioni della società moderna fanno del corpo di una donna un oggetto per vendere, ma a cosa sono servite le battaglie femministe! Si potrebbe pensare che ci sia poco da festeggiare in questo otto marzo. L’idea di festa non è inopportuna e senza senso, anzi è un modo per fare il punto su una situazione che si pensava superata e per andare alla ricerca di giustizia.
Le artiste hanno molto da dire su quest'argomento. Per troppo tempo non sono state messe in condizioni di esternare, appieno, la loro creatività e la loro genialità. Considerando l’arte si scopre che sino agli anni sessanta, non s’incontrano molte pittrici o scultrici nei testi specifici. Vi poteva essere Artemisia Gentileschi, pittrice della prima metà del seicento, Camille Claudel, scultrice raffinata e di gran talento, ma, sfortunata nell’amore, morta in solitudine in un internamento forzato, senza speranza, senza più furore creativo, preda della sua depressione e dell’abbandono della sua famiglia, Frida Kahlo, pittrice che ha lasciato un gran segno, di personalità ed arte benché la sua vita sia stata breve e perché no Grazia Deledda che ha saputo raccontare la sua terra e vincere un Nobel.
Queste grandissime artiste sono poche se si considera il tempo ed il rapporto numerico maschi e femmine: i doveri delle madri e le convenzioni venivano e vengono sempre prima.
Questa manifestazione organizzata da donne per donne, elogio  alla creatività femminile, ha dato spunto ad artiste, che hanno prodotto delle vere poesie. Loro hanno saputo affermarsi nel mondo ostico dell’arte nonostante i mille lacci e laccioli che le vincolavano alle consuetudini dell’essere.
Oggi, noi spettatori, facciamo silenzio: ci sono i FIORI che hanno molto da raccontare. Federica Murgia

2009-01-20

Scoprire i colori e amarli per sempre






Scoprire i colori e amarli per sempre.

Luigi a malapena si reggeva sulle sue gambette. Aveva da poco compiuto un anno ed oltre a gattonare cercava tutti gli appigli per camminare o conquistare la posizione eretta.

La madre, come spesso le capitava, era intenta a disegnare i decori per delle tovaglie; perciò aveva messo in giro matite colorate, tempere ed acquerelli.

Sentì bussare e si alzò, erano alcune ragazze che seguivano i suoi corsi di taglio. Si mise a parlare con loro perdendo, solo per poco tempo, di vista il figlioletto.

In quel momento Luigi, dopo tanti sforzi e capitomboli, riuscì a rizzarsi in piedi sulla coperta celeste. Senza esitare mise le sue manine, cicciotelle, in quell’oggetto poggiato sul tavolino che tanto l’aveva incuriosito negli ultimi dieci minuti. Era fatta: le sue manine erano diventate blu, rosse, verdi e gialle.

Stava per perdere l’equilibrio: piegò le gambe si curvò in avanti ma la forza di gravità vinse e atterrò sulla coperta, colorando qua e là. Si guardò le manine e cominciò a batterle, il risultato fu di un dripping involontario. Gli piacque.

La madre Santa era troppo intenta a parlare di girovita, fianchi, pence, e pieghe con le sue ospiti ed il bambino era così tranquillo che lei pensò che si fosse appisolato. Luigi era sveglissimo e di nuovo ondeggiando ed aggrappandosi alla sedia era in piedi e tastava con le manine sul tavolo alla ricerca della tavolozza. Ecco le sue mani erano ben impregnate ma aveva nuovamente perso l’equilibrio e si risedette bruscamente sulla coperta. Le mani erano ben cariche di colore e cominciò con i gocciolamenti e le striature su tutto quello che era alla sua portata. Non pago mise le mani in bocca ma con una smorfia di disgusto le allontanò subito. Passò ai capelli biondo chiaro e l’effetto fu meraviglioso. Tutto gli appariva magico sino a quando la madre non si voltò facendosi scappare un urlo disperato spaventando il piccolo artista che pianse a lungo. A pochi anni Luigi sottraeva furtivamente i colori alla madre, quando lei dipingeva sui tessuti e li lasciava incustoditi anche per brevi momenti. Colorava tutto, era come se non volesse accettare il monocromo. Colorava maglie, tovaglie, tovaglioli, lenzuola, coperte… perché risparmiare i muri! I pennelli, spesso, non gli bastavano. Per le sue originali creazioni, allora, usava le mani. I suoi occhi grandi, di un blu intenso, si contornavano di rosso, giallo, verde, come pure i suoi indumenti. La madre osservandolo pensò che sarebbe stato meglio aiutarlo nelle sue inclinazioni perciò sin dai primi anni di scuola gli insegnò ad usare i colori: pastelli, tempere ed acquerelli.

Questo bimbo aveva trovato la sua felicità: era un pittore.

Le sue doti artistiche suscitarono l’interesse degli insegnanti nella scuola elementare, che gli facevano colorare la maggior parte dei disegni.

Non tutto era semplice però, in quanto Luigi voleva fare a modo suo e non sentiva i consigli dei maestri. Questo gli procurò non poche punizioni. Quando aveva sette anni morì il padre e questo lasciò la sua famiglia nella disperazione più nera.

Frequentò le elementari fra Specchia e Roma, dove vivevano i nonni materni.

Intorno agli undici anni fu mandato in collegio dai Buoni Fanciulli, nella borgata di Primavalle a Roma, riservato ai ragazzini che avevano situazioni molto precarie. Fu un disastro. Qui, infatti, decisero di farlo diventare un tipografo. Furono guai!

La sua passione continuò ad essere la pittura anche se, non sempre gli era permesso di praticarla come lui avrebbe voluto. L’adolescenza fu difficile.

Luigi era diventato molto introverso e timido; mal sopportava i metodi del collegio. Sino allora era cresciuto con poche regole, grandi privazioni e molta fame. Dopo quattro anni fece ritorno al suo paese. A sedici anni, mentre frequentava l’Istituto d’Arte a Poggiardo, fece la prima mostra. Presentò opere che erano un’interpretazione di paesaggi dell’animo, piuttosto informali, con incursioni nelle nature morte e nella figura. Fu un successo che ancora oggi, al suo paese, ricordano in molti.

Si diplomò, specializzandosi in Scultura del Legno.

Nel frattempo era diventato un animo anticonformista e contestatore: i fermenti del sessantotto e degli anni settanta lo coinvolsero totalmente.

Le ragazze del paese, sue coetanee, raccontano di come attendevano l’arrivo di Luigi chiamato affettuosamente Gino capellone. Molte si erano invaghite del suo fascino di pittore ribelle e senza regole. In generale amava la musica del periodo ma era un gran fan dei Beatles e di Joan Beaz.

Le sue opere, antiaccademiche, cominciarono ad essere apprezzate da molti.

A vent’anni s’iscrisse all’Accademia di Belle Arti di Roma dove si diplomò in scenografia. L’immagine che lo descrive, sia come artista che come uomo, è quella di uno che per i suoi ideali è salito e sale sulle barricate per difendere i suoi principi e le sue teorie. Federica Murgia

Cagliari !3/01/09

2009-01-17

.murmurofart



Performance
Valori di continuita'
Sabato 17 gennaio dalle 18:00 in poi in occasione della chiusura mostra Valori di Continuità gli Artisti si esibiranno in varie performance
Sabato 17 gennaio dalle 18:00 in poi in occasione della chiusura mostra Valori di Continuità
gli Artisti si esibiranno in varie performance.
Durante la serata verranno messi in vendita i biglietti per l'estrazione di un quadro il cui ricavato sarà devoluto ai bambini indiani di Suor Margaret.
Galleria Mentana piazza Mentana, 2/3/4R – Firenze
Tel. 055211985
Spazi coinvolti:
Galleria Mentana – piazza Mentana, 2/3/4R Firenze

E.mail: galleriamentana@galleriamentana.it
Sito: www.galleriamentana.it
Titolo: Valori di continuità

Orari d’apertura: 10.30/13.00 – 16.30/19.30
Ingresso libero

Artisti:
Rosario Bellante, Francesca Coli, Margherita Biondi, Luigi De Giovanni, Margaret Karapetian, Ursula Kofahl Lampron, Kostas, Annie Gheri, Elisa Macaluso, Vittoria Marziari, Filippo Mattarozzi, Roberto Pasquinelli, Clara Polvani, Vittorio Tessaro, Gianna Stomeo, Bianca Vivarelli, Patrizia Voltolini.